Occupazione femminile: le aziende sono premiate!

Occupazione femminile: le aziende sono premiate!

ESQ - Your Certification Partner > Senza categoria > Occupazione femminile: le aziende sono premiate!

gender eqaulity

L’ aumento dell’occupazione femminile è uno degli obiettivi principali del nuovo secolo.

In termini numerici, l’obiettivo si traduce nell’aumento del 4% dell’occupazione femminile entro il 2026 ed il Governo si è attivato per una piena partecipazione al conseguimento del fine.

Quali sono gli interventi dello Stato?

Come già accennato nel nostro precedente articolo, la parità di genere è una sfida per tutti gli ambienti.

Le imprese hanno da sempre un ruolo da protagonista per quanto riguarda l’inclusione delle donne nel lavoro,ma in futuro tutto ciò non farà che aumentare d’importanza.

In particolare, per le aziende certificate per la parità di genere sono previste esoneri nel limite massimo di 50.000 euro annui e premialità nella valutazione dei bandi pubblici.

I principali punti di intervento previsti nel PNRR:

  • Certificazione della parità di genere per incentivare le imprese ad adottare le giuste pratiche per ridurre il divario
  • Introduzione di nuovi meccanismi di reclutamento nella PA e revisione delle opportunità di promozione
  • Previsione di metodologie di misure agile per un giusto equilibrio tra vita privata e professionale
  • Potenziare le offerte turistiche
  • Definizione di un piano asili nido per avvicinare le madri al mondo del lavoro
  • Istruzione del fondo impresa donna
  • Valorizzazione delle infrastrutture sociali
  • Supporto all’assistenza domiciliare

Le norme ISO come si inseriscono in questo contesto?

Le norme ISO diventano fondamentali in questo contesto sono diverse, ma la prima norma è la ISO 30415, con riferimento Diversità e Inclusione.

La norma non si riferisce solo alle donne, ma al concetto di diversità a 360°.

Infatti, offre la possibilità per l’azienda di effettuare una riflessione interna che può culminare con una checklist di step da conseguire per uscire dalla sua comfort zone per poter accedere alle agevolazioni fiscali e raggiungere obiettivi di assessment.

Ultimamente, il 16 marzo 2022 è stata pubblicata la Prassi di Riferimento UNI focalizzata sulla parità di genere che definisce un sistema di gestione per garantire la gender equality.

Ma conseguire le certificazioni non è l’unico passo da compiere per implementare una strategia orientata alla gender equality, perchè ogni giorno è necessario impegnarsi per favorire modelli di gestione ad hoc per abbattere le barriere di inclusione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.